Una risata

Una risata é la risposta

C’é un’antica tradizione in alcuni monasteri Zen del Giappone secondo la quale se un monaco errante può vincere un dibattito sul Buddismo con uno dei monaci residenti

acquisisce il diritto di pernottare una notte, altrimenti deve proseguire il suo cammino.

Vi era uno di questi monasteri nel Nord del Giappone tenuto da due fratelli; il più anziano era molto istruito, e il più giovane era piuttosto stupido, é in più orbo di un occhio.

Una sera un monaco errante capito da quelle parti a chiedere ospitalità.

Il fratello maggiore era molto stanco, poiché aveva passato tutto il giorno a studiare, percio disse al più giovane

che doveva essere lui ad affrontare il dibattito. « Abbi cura che il vostro dialogo avvenga in silenzio », lo ammonì.

Alcune ore dopo il viandante si presento dal monaco pit anziano dicendo: « Vostro fratello é proprio un tipo straordinario! Ha vinto il dibattito in modo assolutamente geniale, così ora devo andarmene, non mi é piu possibile rimanere ».

« Prima di andarvene — disse il fratello pia anziano — vorreste essere cost gentile da raccontarmi com é andato il dibattito? ».

« Ben — disse il viandante — per prima cosa to ho sollevato un dito per simboleggiare il Buddha. Allora il vostro giovane fratello ha alzato due dita, che stavano a rappresentare il Buddha e il suo divino insegnamento.

Così io ho sollevato tre dita ad indicare il Buddha, il suo divino insegnamento, e i suoi discepoli.

A questo punto il vostro sagace fratello agito il pugno chiuso davanti alla mia faccia, ad indicare che tutte queste tre cose provengono da un’unica realizzazione ». E con queste parole il viandante partì.

Alcune ore il giovane monaco comparve davanti al fratello con aria afflitta. « Mi é parso di capire che hai vinto il dibattito ». Gli disse il fratello piú anziano. « Non ho vinto niente — rispose — quel viandante era proprio un villano ».

« Toh — esclamo l’altro — raccontami come é andata… « Sai che ha fatto — prosegui il giovane ? — appena mi ha visto ha alzato un dito per insultarmi, per farmi notare che sono orbo di un occhio. Ma ho pensato che, poiché era un forestiero, era mio dovere comportarmi educatamente, cosi ho alzato due dita per congraturlarmi con lui che di occhi ne aveva due.

A questo punto quello screanzato ha alzato tre dita per farmi capire che in due avevamo solo tre occni, cosi non ci ho visto piú… sono diventato pazzo di rabbia

e l’ho minacciato di spaccargli il muso con un pugno >».

Il monaco più anziano rise.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s