Né acqua, né luna

La monaca Chiyono studiò per anni,

ma non fu capace di trovare I’ Illuminazione

Una notte stava portando

un vecchio secchio pieno d’acqua.

E mentre camminava Solitaria guardava la luna piena riflessa nell’acqua del secchio. Improvvisamente, la canna di bambù che sorreggeva il secchio, si ruppe,

e il secchio cadde a terra.

L’acqua fuggí via,

Il riflesso della luna scomparve — e Chiyono diventò Illuminata. E scrisse questi versi:

In un modo e nell’altro ho cercato di sorreggere il secchio sperando che il debole bambú non si sarebbe mai spezzato.

Improvvisamente il sostegno si é rotto. Non più acqua,

non più luna nell’acqua — il vuoto nelle mie mani.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s